Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 21/11/2019, 9:12

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 18/08/2018, 10:27 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 529
Ogni tanto, per ‘’sprovincializzarmi’’ un po’, mi capita di scorrere i forum di filatelia e storia postale di altri paesi, ovviamente scritti in lingue che capisco e con riferimento ad argomenti che mi incuriosiscono. E’ in questo modo che sono incappato in alcuni intriganti dibattiti svolti qualche anno fa sulla validita’ postale dei ‘’francobolli’’ spagnoli con la dicitura ‘’Impuesto de guerra’’ (tassa di guerra) e sulla validita' delle scelte dei cataloghi filatelici. Magari ve ne importa meno di nulla, ma forse – complice il periodo agostano – qualcuno si sobbarchera’ la lettura di questo intervento, pieno di punti interrogativi. E magari c'e' chi ha le idee piu’ chiare di me in proposito………

Tocca cominciare con un po’ di storia della Spagna, nazione sorella che ha dovuto affrontare numerose guerre civili. Ed e’ appunto ad una guerra civile che si deve la prima comparsa di valori con la scritta Impuesto de guerra. L’11 febbraio 1873 va in esilio l’effimero re Amedeo di Savoia, salito al trono di Madrid nel 1871. Eccolo in un francobollo:
Allegato:
a1.jpg
a1.jpg [ 367.99 KiB | Osservato 762 volte ]

Viene cosi’ instaurata la prima repubblica spagnola. Tra i numerosi conflitti interni che deve affrontare, la minaccia maggiore e’ quella delle truppe ‘’carliste’’ che fanno capo a Carlo VII, il pretendente ‘’carlista’’ al trono e che danno il via alla cosiddetta terza guerra carlista. Sono appunto le autorita’ repubblicane che, per fronteggiare una disastrosa situazione di bilancio, introdurranno con un decreto l’ ‘’impuesto de guerra’’ che interessera’ anche la posta colpendo “… todas las cartas o pliegos que circulen en la Península e islas adyacentes, así como las que se dirijan a las provincias españolas de Ultramar por medio de los buques – correo españoles…”(Artícolo 3) . Vennero stampati due valori da 5 e 10 centimos, emessi il primo gennaio 1874, di colore rispettivamente nero e azzurro. Un anno esatto dopo esce un’analoga emissione dei due valori di colore rispettivamente verde e violetto (a quel punto il 29 dicembre 1874 era gia’ stata proclamata la restaurazione monarchica nella persona di Alfonso XII). E qui gia’ sorgono i miei dubbi: i valori da 10 centimos si possono considerare ''postali'', visto che sulle lettere gravava solo una sovrimposta di guerra di 5 centimos? Qualcuno sui forum filatelici spagnoli non ha difficolta’ ad esprimere la propria opinione contraria all'inserimento in catalogo. Ecco i due valori del 1874
Allegato:
a2.jpg
a2.jpg [ 376.72 KiB | Osservato 762 volte ]

Ed ecco quelli del 1875
Allegato:
a3.jpg
a3.jpg [ 187.34 KiB | Osservato 762 volte ]
Allegato:
a4.jpg
a4.jpg [ 161.6 KiB | Osservato 762 volte ]

Ed ecco un uso corretto del 1874
Allegato:
a5.jpg
a5.jpg [ 150.87 KiB | Osservato 762 volte ]

Ed usi corretti con il 5 centimos del 1875
Allegato:
a6.jpg
a6.jpg [ 264.75 KiB | Osservato 762 volte ]
Allegato:
a6b.jpg
a6b.jpg [ 118.02 KiB | Osservato 760 volte ]

Ma si incontrano pezzi postali viaggiati regolarmente o con usi multipli del 5 centimos o con il 5 centimos isolato o con il valore da 10 centimos.
Allegato:
a7.jpg
a7.jpg [ 133.12 KiB | Osservato 762 volte ]
Allegato:
a8.jpg
a8.jpg [ 146.45 KiB | Osservato 762 volte ]
Allegato:
a9.jpg
a9.jpg [ 97.07 KiB | Osservato 762 volte ]
Allegato:
a10.jpg
a10.jpg [ 141.65 KiB | Osservato 762 volte ]
Allegato:
a11.jpg
a11.jpg [ 152.75 KiB | Osservato 762 volte ]

Normale confusione da parte degli utenti? O le poste ammisero l’uso come normali francobolli? Oppure fu una semplice tolleranza di usi di fiscali?
(segue)

_________________
Riccardo Bodo


Ultima modifica di somalafis il 20/08/2018, 8:46, modificato 6 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 18/08/2018, 10:45 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 529
Con la restaurazione monarchica e con la definitiva sconfitta dei carlisti, l’Impuesto de guerra non finisce affatto: i conti pubblici restano un disastro. Infatti nel 1876 esce una serie di 5 valori ''impuesto'' con l’effigie di Alfonso XII (5c, 10c, 25c, 1 peseta, 5 pesatas). E’ evidente che la maggior parte di questi valori deve essere destinata a soddisfare la sovrattassa di guerra su documenti di tipo non postale. Ecco alcuni valori della serie e usi regolari del 5 centimos
Allegato:
a12.jpg
a12.jpg [ 529.94 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a13.jpg
a13.jpg [ 70.14 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a14.jpg
a14.jpg [ 475.12 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a15.jpg
a15.jpg [ 363.08 KiB | Osservato 758 volte ]

Ed ecco un uso ‘’difforme’’
Allegato:
a15a.jpg
a15a.jpg [ 216.68 KiB | Osservato 758 volte ]

Il primo settembre 1877 escono due nuovi valori da 15 e 50 c.
Allegato:
a16a.jpg
a16a.jpg [ 254.5 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a16b.jpg
a16b.jpg [ 71.71 KiB | Osservato 758 volte ]
Sembrano legarsi alla circolare del 28 agosto 1877 (che trovo citata su un sito internet) ‘’ incrementando las tarifas del impuesto a 15 y 50 cts. para cartas ordinarias y certificados’’. Ne devo dedurre che l’Impuesto sulle lettere e’ salito a 15 c.? In questo caso sarebbero corrette queste affrancature con impuesto da 15 c.
Allegato:
a16.jpg
a16.jpg [ 424.67 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a17.jpg
a17.jpg [ 91.43 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a18.jpg
a18.jpg [ 147.84 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a18b.jpg
a18b.jpg [ 232 KiB | Osservato 758 volte ]

Infine una circolare del febbraio 1879 sopprime i ‘’francobolli’’ di tassa di guerra (la sovrattassa viene incorporata nelle tariffe). Resta cosi’ non emessa una serie di 7 valori (da 5c a 5 pesetas) di cui ecco un paio di esempi
Allegato:
a19.jpg
a19.jpg [ 247 KiB | Osservato 758 volte ]
Allegato:
a20.jpg
a20.jpg [ 203.68 KiB | Osservato 758 volte ]

(segue)

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 18/08/2018, 10:59 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 529
Ma la storia non finisce qui.
Si avvicina la fine del secolo e scoppia l’insurrezione di Cuba e poi a ruota la guerra con gli Stati Uniti (1898) che ‘’liberano’’ Cuba, occupano Portorico, le Filippine e l’isola di Guam. Le casse statali sono di nuovo in grave crisi. Ritorna l’Impuesto de guerra e gia' nel 1897 vengono emessi appositi valori di colore verde; nei cataloghi di francobolli, di solito, se ne trovano indicati solo quattro (5, 10, 15, 20 centimos); in basso compare l’anno fiscale 1897-98: la posta inizialmente era esentata e questi valori non dovrebbero avere quindi avuto uso postale (anche se figurano, come si e’ detto,nei cataloghi filatelici). Eccone un esemplare
Allegato:
a21.jpg
a21.jpg [ 94.06 KiB | Osservato 757 volte ]

Sul mercato (????) tuttavia circolano lettere con tali valori
Allegato:
a22.jpg
a22.jpg [ 131.82 KiB | Osservato 757 volte ]

Nel 1898 gli stessi valori compaiono in colore nero e con l’indicazione dell’anno fiscale 1898-99. E a questo punto anche sulle lettere ritorna la soprattassa da 5 c. La legge 28-6-1898 recita infatti
Allegato:
a23.tif
a23.tif [ 263.77 KiB | Osservato 757 volte ]

Analogo il disposto del Regio Decreto 29-6-1898
Allegato:
a24.tif
a24.tif [ 268.12 KiB | Osservato 757 volte ]

Ecco degli usi regolari
Allegato:
a25.jpg
a25.jpg [ 78.01 KiB | Osservato 757 volte ]
Allegato:
a26.jpg
a26.jpg [ 140.68 KiB | Osservato 757 volte ]

Questi usi, quindi, non dovrebbero essere regolari?
Allegato:
a27.jpg
a27.jpg [ 138.43 KiB | Osservato 757 volte ]
Allegato:
a28.jpg
a28.jpg [ 111.84 KiB | Osservato 757 volte ]

Questo e’ un corretto uso fiscale
Allegato:
a28a.jpg
a28a.jpg [ 139.5 KiB | Osservato 757 volte ]

Sempre nel 1898 arriva l’ultimo valore ottocentesco degli ''impuesto'', un 5 centimos con l’effigie di Alfonso XIII e la scritta ‘’recargo’’
Allegato:
a29.jpg
a29.jpg [ 78.47 KiB | Osservato 757 volte ]

Uso regolare su lettera
Allegato:
a30.jpg
a30.jpg [ 662.24 KiB | Osservato 757 volte ]

La mia lettura vi sembra corretta? Qualcuno ha informazioni diverse?

Ps: su qualche catalogo filatelico compare anche una parte dell’emissione realizzata dai repubblicani nel 1938 durante la guerra civile con la dicitura ‘’timbre del estado/ recargo transitorio de guerra’’ che a me sembra decisamente ‘’fiscale’’. Ma confesso di non saperne assolutamente nulla...
Allegato:
1938.jpg
1938.jpg [ 128.37 KiB | Osservato 757 volte ]

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 18/08/2018, 15:27 
Non connesso

Iscritto il: 30/10/2012, 14:25
Messaggi: 3940
Grazie Riccardo per la bella rassegna spagnola. E' piacevole e anche interessante fare escursioni filateliche in altri paesi
Buona giornata
Roby


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 19/08/2018, 11:00 
Non connesso

Iscritto il: 08/09/2012, 13:21
Messaggi: 124
Molto belli ed è interessante l'uso postale di questi fiscali. O anche molto belli ed è interessante l'uso fiscale di questi segnatasse postali. Credo che la discussione sia questa e sinceramente non saprei cosa pensare ma indubbiamente uno storico postale li deve considerare eccome.
ciao
umberto


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 19/08/2018, 23:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/11/2012, 20:12
Messaggi: 640
morek ha scritto:
Molto belli ed è interessante l'uso postale di questi fiscali. O anche molto belli ed è interessante l'uso fiscale di questi segnatasse postali.
Va quasi bene la prima affermazione, la seconda proprio no! Sono fiscali nati per riscuotere una tassa che si applicava alle lettere, non per pagare un servizio postale non pagato, o solo parzialmente pagato, dal mittente: sono quindi fiscali e basta, non segnatasse postali. Il "quasi" si riferisce al fatto che l'uso sulle lettere di questi fiscali non è un uso postale ma solo un uso fiscale su oggetti postali. Che poi siano stati usati, per errore o intenzionalmente e magari con consenso delle autorità postali, per pagare dei servizi postali non ne cambia la natura.
Penso che non sia necessario aggiungere che sono tutti elencati nei cataloghi di fiscali spagnoli.
Michele

_________________
- la filatelia comincia dove il catalogo finisce
- ars longa, vita brevis


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 20/08/2018, 14:56 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 529
Michele ha sostanzialmente ragione. Ma per capire il dibattito sorto sul sito di collezionisti spagnoli, occorre dare un'occhiata ai vari cataloghi. L'Yvert, che in Europa per decenni e' andato per la maggiore, elenca i valori ''impueste de guerra'' in un apposito capitolino dopo la posta ordinaria e quella aerea, cosi' come fa con altri ''back of the book'' (tipo franchigia, segnatasse, ecc.). Ed e' piuttosto ''generoso'' incudendo praticamente tutti i valori che in qualche modo si riscontrano o si potrebbero riscontrare sulle corrispondenze, anche del tutto irregolarmente (come abbiamo visto sopra). Ecco, infatti, la catalogazione riportata dall' Yvert nell'anno 1910 (quando cioe' questi valori non erano cosi' ''archeologici''...
Allegato:
y1.jpg
y1.jpg [ 303.55 KiB | Osservato 710 volte ]
Allegato:
y2.jpg
y2.jpg [ 632.16 KiB | Osservato 710 volte ]

Catalogazioni analoghe compaiono nelle successive edizioni del catalogo francese e in altri cataloghi come ad esempio l'italiano ''Unificato''. L'americano Scott (ma non ho potuto riscontrarlo personalmente) invece inserisce in catalogo solo alcuni valori che considera obbligatori sulla posta. Per il secondo periodo degli impueste de guerra, ad esempio, inserisce solo il 5 centimos verde del 1897 ed il 5 e 20 centimos neri del 1898 (il che lascia egualmente perplessi). Ma il vero obiettivo del dibattito spagnolo (che come ho scritto risale a qualche anno fa: magari oggi le cose sono cambiate) era il catalogo spagnolo Edifil, il quale non solo riporta le emissioni accolte dall'Yvert ma le piazzava (almeno nella vecchia edizione che posseggo io) tranquillamente in mezzo alle emissioni postali come fossero dei normalissimi francobolli. Do' due esempi:
Allegato:
e1.jpg
e1.jpg [ 789.14 KiB | Osservato 710 volte ]
Allegato:
e2.jpg
e2.jpg [ 1.24 MiB | Osservato 710 volte ]

Eppure, dallo stesso catalogo Edifil, si rileva che di alcuni dei valori catalogati non sono noti oggetti postali completi.
Con il mio intervento e in base agli elementi che sono riuscito a raccogliere, cercavo di chiarire un po' l situazione di questi fiscali che hanno comunque inciso sulla posta. Ma purtroppo mi manca qualche tassello qui e la'….

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 20/08/2018, 22:58 
Non connesso

Iscritto il: 08/09/2012, 13:21
Messaggi: 124
cercare di interpretare il senso della discussione nei forum spagnoli era il motivo del mio intervento. Sono indiscubilmente fiscali ma il fatto che fosse obbligatorio il loro uso nel momento della spedizione della lettera fa pensare che l'obiettivo della tassazione sia il servizio di inoltro della posta o meglio della lettera non la lettera stessa che eventualmente avrebbe potuto essere tassata al ricevimento. Questo caso può far pensare che siano considerabili segnatasse postali ovvero riscuotessero una tassa relativa al servizio postale senza la quale il servizio non poteva essere svolto ed era indipendente dal fatto che la lettera arrivasse a destino o no. Comunque personalmente ho fede cieca nel giudizio di Michele che seguo come una bibbia da anni ed ho avuto il piacere di conoscere. Colgo l'occasione per ringraziarlo della sua capacità di condivisione e di diffusione della materia tratto indiscutibile dei Maestri.
Umberto


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 23/08/2018, 20:02 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 04/08/2016, 21:02
Messaggi: 361
Località: Chiusaforte
Grazie Riccardo per farci conoscere queste particolarità storiche a noi sconosciute, in quanto mai verificatesi nel nostro paese. Molto interessante.
La mia opinione è che questi valori non siano dei francobolli e quindi non vanno inseriti in un catalogo classico, bensì dei fiscali, alla stessa stregua delle marche da bollo.
Però, per quello che mi riguarda, rientrano appieno nella storia postale, in quanto previsti da apposita norma da applicarsi sulla corrispondenza. Anche il loro uso esclusivo su di un documento, sebbene non previsto (ma nemmeno vietato?) fa parte della storia postale.

Andrea

_________________
Andy66

Socio CFN Tarvisiano


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 9 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010