Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 22/03/2019, 14:00

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 06/01/2019, 14:32 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 467
I francobolli emessi nel 1919-1920 per l'occupazione inglese del porto di Batum (Batumi) sul Mar Nero hanno la curiosa caratteristica di figurare, nei cataloghi delle aste, talvolta nel capitolo Russia e talvolta invece in quello dell’impero britannico. Da ragazzo possedevo qualche esemplare della prima emissione, illustrato con l’esotica presenza di un albero di aloe ma con le scritte in alfabeto cirillico (Posta di Batum, fin li’ ci arrivavo): forse erano dei falsi ma ne ero molto fiero e mi incuriosivano assai. E' quindi soprattutto per una questione di nostalgia se mi permetto di infliggervi un breve excursus di questa bizzarra occupazione britannica, ma anche perche’ in una serie di aste di prossimo svolgimento compaiono parecchie esemplari (o anche intere pagine di collezione) dedicati proprio a Batum. Si tratta in particolare di un’asta Cherrystone (con esemplari piuttosto rari) e di un’asta Paradise Valley (con esemplari meno rari).
Cominciamo con una mappina per localizzare la citta’, capitale della regione di Adjar (Azaria, Azhar):
Allegato:
1.jpg
1.jpg [ 107.11 KiB | Osservato 220 volte ]

Originariamente apparteneva all’impero ottomano ma nel 1878 il territorio fu occupato dall’impero zarista. Nel periodo russo Batum viene collegata alla ferrovia transcaucasica e viene coinvolta nello sviluppo dell’industria petrolifera (grazie ad un oleodotto). Gli operai di Batum diedero vita nel novecento a manifestazioni, proteste e scioperi (fu uno dei banchi di prova dell’attivita’ di Stalin come rivoluzionario georgiano). Con lo scoppio della rivoluzione in Russia e la disgregazione del potere zarista, la zona nel febbraio 1918 vide il ritorno delle truppe turche; in aprile fu annessa al – peraltro morente – impero ottomano. Nel caos conseguente, negli ultimi giorni di dicembre 1918 e soprattutto all’inizio del 1919 cominciarono a sbarcare truppe britanniche che stabilirono un regime di occupazione, durato sino all’inizio del luglio 1920. Un periodo quindi relativamente breve ma che ha lasciato vistose tracce filateliche. All’inizio, pare, i francobolli mancavano del tutto. Sul mercato circolano cosi’ eleganti lettere senza francobolli ma dotate di appositi timbri in russo (sono tutte molto simili l’una all’altra e all'esempio che qui mostro, il che mi rende vagamente sospettoso)
Allegato:
due.jpg
due.jpg [ 114.19 KiB | Osservato 220 volte ]

Nel febbraio del 1919 apparvero i primi francobolli, appunto quelli con la pianta di aloe. Eccoli su vecchie pagine d'album:
Allegato:
3.jpg
3.jpg [ 1.09 MiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
4.jpg
4.jpg [ 1.1 MiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
5.jpg
5.jpg [ 655.47 KiB | Osservato 220 volte ]

Poco dopo vennero soprastampati con l’esplicita dicitura ‘’British Occupation’’
Allegato:
6.jpg
6.jpg [ 905.56 KiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
7.jpg
7.jpg [ 832.99 KiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
8.jpg
8.jpg [ 1005.43 KiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
9.jpg
9.jpg [ 983.98 KiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
10.jpg
10.jpg [ 907.92 KiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
11.jpg
11.jpg [ 933.59 KiB | Osservato 220 volte ]
Allegato:
busta.jpg
busta.jpg [ 64.02 KiB | Osservato 220 volte ]

Vennero soprastampate analogamente anche le marche fiscali
Allegato:
12.jpg
12.jpg [ 32.75 KiB | Osservato 220 volte ]

(segue)

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 06/01/2019, 14:44 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 467
Poi arriva l’ondata delle soprastampe su francobolli russi, in un misto di caratteri cirillici e caratteri latini, il cui valore in rubli mostra l’impatto dell’inflazione postbellica. Ecco un quadro sinottico di soprastampe tratto da una vecchia cartolina
Allegato:
soprastampe.jpg
soprastampe.jpg [ 131.98 KiB | Osservato 219 volte ]

Ecco un po’ di esemplari del 1919 (dentellati e non)
Allegato:
13.jpg
13.jpg [ 38.33 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
14.jpg
14.jpg [ 42.4 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
15.jpg
15.jpg [ 64.88 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
16.jpg
16.jpg [ 73.33 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
17.jpg
17.jpg [ 26.59 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
18.jpg
18.jpg [ 31.76 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
19.jpg
19.jpg [ 1.38 MiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
20.jpg
20.jpg [ 394.88 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
21.jpg
21.jpg [ 417.18 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
22.jpg
22.jpg [ 395.3 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
23.jpg
23.jpg [ 400.99 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
24.jpg
24.jpg [ 378.7 KiB | Osservato 219 volte ]

Non mancano le soprastampe capovolte
Allegato:
26 (1).jpg
26 (1).jpg [ 41.08 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
26 (2).jpg
26 (2).jpg [ 56.28 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
27.jpg
27.jpg [ 63.07 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
30.jpg
30.jpg [ 57.61 KiB | Osservato 219 volte ]

(segue)

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 06/01/2019, 14:53 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 467
Ecco esemplari del 1920 (dentellati e non)
Allegato:
31.jpg
31.jpg [ 25.72 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
32.jpg
32.jpg [ 30.01 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
33.jpg
33.jpg [ 31.63 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
34.jpg
34.jpg [ 45.25 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
35.jpg
35.jpg [ 40.15 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
36.jpg
36.jpg [ 34.18 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
37.jpg
37.jpg [ 31.04 KiB | Osservato 219 volte ]

E anche qui non mancano le varieta’
Allegato:
38.jpg
38.jpg [ 34.8 KiB | Osservato 219 volte ]

Nel 1920 si torna a soprastampare anche l’emissione con la pianta di aloe
Allegato:
39.jpg
39.jpg [ 1017.83 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
40.jpg
40.jpg [ 544.26 KiB | Osservato 219 volte ]
Allegato:
41.jpg
41.jpg [ 2.19 MiB | Osservato 219 volte ]

L’ultima emissione presenta la soprastampa British occupation su francobolli tipo pianta di aloe ma con i valori aggiornati. Eccone una pagina d'album
Allegato:
42.jpg
42.jpg [ 1.26 MiB | Osservato 217 volte ]

Caratteristico l’errore Bpitish Occupation
Allegato:
43.jpg
43.jpg [ 4.22 MiB | Osservato 217 volte ]

Allegato:
44.jpg
44.jpg [ 1.04 MiB | Osservato 217 volte ]

Nel 1920 Batum passa alla effimera repubblica indipendente di Georgia. Quando pero' i sovietici la invaderanno, i turchi ritorneranno ad occupare per qualche giorno Batum! Alla fine un accordo fra Kemalisti e sovietici portera’ al riconoscimento di uno speciale statuto di autonomia con la creazione di una repubblica sovietica autonoma di Adjar (nell'ambito della Georgia sovietica) fino alla caduta dell’URSS. Oggi Batum appartiene alla Georgia.
(segue)

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 06/01/2019, 15:08 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 467
Si potrebbe finire qui.
Ma c'e' un problema: le emissioni di Batum hanno dato luogo ad una vera marea di falsi prodotti in quantita’ industriali. Ecco alcune pagine di un’apposita raccolta di falsi che da' un'idea della questione….
Allegato:
45.jpg
45.jpg [ 1.06 MiB | Osservato 216 volte ]
Allegato:
46.jpg
46.jpg [ 612.5 KiB | Osservato 216 volte ]
Allegato:
47.jpg
47.jpg [ 121.85 KiB | Osservato 216 volte ]
Allegato:
48.jpg
48.jpg [ 1.44 MiB | Osservato 216 volte ]
Allegato:
49.jpg
49.jpg [ 708.12 KiB | Osservato 216 volte ]
Allegato:
50.jpg
50.jpg [ 1.07 MiB | Osservato 216 volte ]

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 06/01/2019, 21:18 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/11/2012, 20:12
Messaggi: 585
Riccardo, grazie per questa ulteriore bellissima lezione di filatelia. Uno dei pezzi che hai mostrato mi ha messo una grande curiosità: si tratta della raccomandata da Batum a Berna, affrancata con tre francobolli, che in alto mostra l'indicazione per l'inoltro per una per me inedita "via Taranto", invece della più usuale "via Brindisi" della posta dall'oriente, sia vicino che lontano. È forse un protrarsi delle limitazioni all'uso del porto di Brindisi da parte di civili in effetto durante la Grande Guerra (cosa che mi sembra improbabile, visto che la lettera è del 1920)?
Michele

_________________
- la filatelia comincia dove il catalogo finisce
- ars longa, vita brevis


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 07/01/2019, 11:21 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 467
Non so risponderti, caro Michele. Tra l'altro, la busta e' l'unico pezzo che non proviene dalle due aste citate e non e' quindi assistito nemmeno dalle scarne didascalie dei venditori….

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010