Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 14/11/2019, 7:21

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 09/10/2018, 13:57 
Non connesso

Iscritto il: 11/10/2014, 12:23
Messaggi: 424
Prendendo spunto da un articolo dello stimato Valter Astolfi, di seguito ripropongo in corsivo blu il suo testo comparso sulla nostra rivista "Posta Milintare" n°31 del lontano 1981, che trattava -appunto!- l'istituzione della "Posta Civile" in sostituzione della "Posta da Campo" per alcuni uffici pubblici ministeriali.


= I NUMERI DELLA POSTA CIVILE DURANTE LA R.S.I. =
(Walter Astolfi)

I collezionisti di R.S.I. ed in particolar modo quelli che si dedicano agli annullamenti della "Posta da Campo", si saranno certamente imbattuti qualche volta in annullamenti e timbri aventi particolare denominazione e numerazione nell’ambito dell'organizzazione postale paramilitare attuata dalla R.S.I. per gli organi di Governo. Nella fattispecie mi riferisco ai timbri che costituiscono il gruppo dalla "Posta Civile".
Poiché recentemente mi è stata sottoposta una circolare del 1944 il cui contenuto riguarda appunto la "Posta Civile" ho ritenuto opportuno pubblicane il testo, che quasi sicuramente interessa i diversi specialisti del settore.
Ecco quindi il testo della circolare in questione:

“PROCURA DELLO STATO DI MANTOVA

n.825 R.G. di prot. Mantova 14.03.1944

OGGETTO: Corrispondenze Ufficiali per i Ministeri

AL PRETORE
DI
MANTOVA

Mantova 14 Iarzo 1944 XXII

Per conoscenza e per le comunicazioni da farsi agli Uffici ad Enti dipendenti, si comunica il testo dalla nota del Ministero delle Comunicazioni - Gabinetto - n.06209/ P.T. in data 21 Febbraio 1944 XXII, relativa all'oggetto pervenuto dal Superiore Ministero - Ufficio superiore del Capo dei Servizi - con nota 8 corr.te n.137/006 prot.:

In relazione alle richieste pervenute da parecchi Ministeri per la istituzione di Poste da Campo, si fa
presente che ciò non è ora possibile, poiché alle poste da Campo sono stati affidati specifici compiti, diversi
da quelli concernenti le corrispondenze civili dei Ministeri.
In vista della necessità di disciplinare la trasmissione delle corrispondenze Ufficiali dirette si Ministeri ed enti Statali dislocati in alta Italia e considerando altresì che non esiste più l'Ufficio di Concentramento Poste da Campo a Verona, ho stabilito che, fermo restando gli Uffici di Poste da Campo attualmente esistenti specificati nella prima parte dell'unito elenco, siano istituiti presso i singoli Ministeri appositi Uffici postali che prenderanno la denominazione di "Posta Civile n.....".-
I numeri che contraddistinguono gli istituendi Uffici sono specificati nella seconda parte dell'unito
elenco.
I singoli Ministeri dovranno procurare, nella località ove hanno sede, almeno due stanze da mettere a disposizione degli impiegati addetti all'Ufficio di Posta Civile, che saranno forniti della Direzione Generale delle Poste e Telegrafi, e dovranno in più provvedersi del timbro di franchigia postale, conforme al modello che verrà comunicato a parte.
La corrispondenza Ufficiale di cui sopra verrà concentrata all'Ufficio Civile di Verona Ferrovia - Sezione Ufficiosa - che provvederà alla successiva diramazione.
In relazione a quanto sopra ai prega pertanto disporre perché le corrispondenze Ufficiali portino sempre l'indirizzo: "Ministero …" - Posta Civile n ... -.
Si intende che per i Ministeri ed Enti che hanno Ufficio di Posta da Campo, I'indirizzo dovrà continuare ad essere, come il passato: "Ministero …" - Posta da Campo n ... -.
Per la messa a disposizione dei locali e per gli accordi di dettaglio relativi alla istituzione di Uffici di Posta Civile, i singoli Ministeri vorranno prendere dirette intese con la direzione Generale delle Poste e Telegrafi, indirizzando la corrispondenze relativa a
"Ministero delle Comunicazioni - Posta Civile n.350/2". –

Il Ministro F/to Augusto Liverani.- "

Si prega di accusare ricevuta della presente, assicurando l'adempimento di quanto disposto con la predetta nota, per quanto concerne codesto Ufficio. –

IL PROCURATORE DELLO STATO

POSTE DA CAMPO

704 - Partito Fascista Repubblicano
707 - Comando Generale Guardia Nazionale Repubblicano
709 - Comando Milizia Nazionale Postelegrafica
711 - Opera Nazionale Balilla
713 - Segreteria particolare del DUCE
713 - Sottosegretariato Presidenza Consiglio Ministri
717 - Segretariato Generale dell'Esercito


POSTE CIVILI

305 - Ministero Affari Esteri
307 - Ministero dell’Interno
309 - Ministero Giustizia
316 - Ministero Finanze
320 - Ministero Forze Armate
324 - Sottosegretario di Stato per la Marina
328 - Sottosegretariato di Stato per l'Aereonautica
332 - Ministero Educazione Nazionale
335 - Ministero Lavori Pubblici
340 - Ministero Africa Italiana
344 - Ministero Agricoltura e Foreste
350 - Ministero Comunicazioni
353 - Ministero Economia Corporativa
361 - Ministero Cultura Popolare
370 - Commissariato Nazionale dei Prezzi


Per approfondire l'argomento ho provato a cercare in rete, ma la documentazione reperibile è assai scarsa e gli oggetti viaggiati attraverso questo servizio sono piuttosto pochi e, spoesso, assai poco considerati in quanto per lo più spediti in totale franchigia, sprovvisti quindi dei più collezionati francobolli.
Da una breve conversazione sul tema tenuta con un avanzato collezionista di Posta da Campo sono, infatti, state condivise le stesse perplessità: poco si sà e poco ci si chiede in merito a questo servizio.
Credo che la disponibilità di uno spazio qui, sul forum, possa essere un'opportunità per far confluire e raccogliere organicamente le soggettive esperienze a riguardo affinchè si possa produrre la sensibilizzazione al tema, la ricerca di informazioni, la costituzione di un primo archivio di immagini e la costituzione di un luogo di confronto pubblico tra appassionati e curiosi per ragionarvi assieme.

Ho guardato tra i miei oggetti e devo spiacevolmente ammettere di possedere poco o nulla a riguardo: per iniziare suggerisco questa busta raccomandata inoltrata il 28.12.1944 tramite l'agenzia postale del Ministero degli Esteri su carta intestata. L'assenza dell'impronta del sigillo ufficiale, il pagamento integrale dell'affrancatura, nonché la trasmissione (presumo) verso il canale di posta ordinaria, lasciano pensare piuttosto ad una comunicvazione di carattere privato, ovvero non in franchigia secondo "Posta Civile 305".

Circa la sede del Ministero degli Affari Esteri vale la pena precisare che:
- erano a Salò: la Direzione generale degli Affari commerciali, la Direzione generale degli Affari generali, la Direzione generale degli Affari politici, la Direzione generale del Personale e amministrazione interna, il Gabinetto del sottosegretario, la Ragioneria Centrale e l'Ufficio cifra e crittografico,
- erano a Venezia: la Direzione generale degli Italiani all'estero (poi trasferita a Salò), il Servizio Affari privati, l'Ufficio del Cerimoniale e l'ufficio collegamento.
Si può, quindi, almeno desumere che la missiva sia partita da Salò.


Allegati:
Ministero degli Esteri.jpg
Ministero degli Esteri.jpg [ 1.58 MiB | Osservato 1141 volte ]

_________________
https://espressirsi.wordpress.com/
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 09/10/2018, 14:07 
Non connesso

Iscritto il: 11/10/2014, 12:23
Messaggi: 424
Questo, invece, è un esempio di corrispondenza ufficiale recante il bollo lineare di "Posta Civile" in uso RSI non citato della circolare riprodotta: si tratta della POSTA CIVILE 390.
Evidentemente la sua costituzione dev'esser verosimilmente avvenuta in epoca successiva all’emissione della richiamata nota ministeriale.
Dell'ufficio mittente in altra sede è stato già detto, e qui lo riporto, che:
L'Ente Nazionale Assistenza profughi e Tutela degli Interessi delle province Invase era un ente di assistenza creato dalla RSI e aveva la sede centrale a Maderno. Le ''province invase'' erano ovviamente i territori occupati e liberati dagli Alleati. L'ente venne istituito con decreto del 20-11-1943 n. 798 ma cominciò ad operare nel marzo 1944. I documenti dell'ente sono conservati nell'archivio di stato di Brescia. Lo scopo dell'ente, secondo il decreto istitutivo, era il seguente:

''Sono compiti dell’Ente:
a) Dare assistenza ai profughi sfollati, i quali si trovino in condizioni di disagio in dipendenza delle contingenze belliche.
b) Rappresentare, durante l’occupazione, gli interessi delle terre invase, impostandone i problemi nel programma dello Stato Fascista Repubblicano.
c) Sviluppare i contatti fra i cittadini profughi o nativi nelle regioni invase comunque residenti in altre provincie per cementarne ed alimentarne i vincoli nel quadro del comune amor di Patria.
d) Stabilire il collegamento con le famiglie rimaste nei territori invasi attraverso trasmissioni di notizie, informazioni e quanto all’uopo possa occorrere''


Può essere utile aggiungere che questo ente assistenziale civile (E.N.A.P.I.) fu “istituito nella RSI con decreto del duce 20 nov. 1943, n. 798, cominciò a operare il 21 mar. 1944. Modificato con decreto del duce 15 giu. 1944, n. 519. Inquadrato tra gli organismi della Presidenza del Consiglio dei Ministri; la sede centrale era a Maderno” (Trento).
Fonte: http://san.beniculturali.it/web/san/det ... e?id=33327


Allegati:
posta civile 390 franchigia.jpg
posta civile 390 franchigia.jpg [ 327.92 KiB | Osservato 1139 volte ]

_________________
https://espressirsi.wordpress.com/
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 09/10/2018, 14:34 
Non connesso

Iscritto il: 11/10/2014, 12:23
Messaggi: 424
Facendo seguito a quanto di recente reperito qui, sul forum, grazie a Michele: viewtopic.php?f=47&t=4226
è stata riscontrata una delle impronte (non riportata fra quelle riportate nella grafica essenziale dell'articolo) degli annulli di "Posta Civile 350 / 4", destinata alla Direzione Generale di Poste e Telegrafi, più specificatamente all'ISPETT. GEN. MOV. (Ispettorato Generale Movimento?): è interessante notare che nelle impronte non vi sia la dicitura "POSTA CIVILE 350".

Questo numero di "Posta Civile" era stata assegnato al Ministero delle Comunicazioni (cfr.: circolare riprodotta nell'intervento iniziale), con sede a Verona.


Allegati:
Verona-1.jpg
Verona-1.jpg [ 1.78 MiB | Osservato 1138 volte ]
posta civile 350 - 4.jpg
posta civile 350 - 4.jpg [ 1.74 MiB | Osservato 1138 volte ]

_________________
https://espressirsi.wordpress.com/
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 3 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010