Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 20/03/2019, 22:50

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 14/03/2019, 15:26 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 463
Questo e' il dritto
Allegato:
it d.jpg
it d.jpg [ 201.95 KiB | Osservato 95 volte ]

e questo e' il verso
Allegato:
it-v.jpg
it-v.jpg [ 133.73 KiB | Osservato 95 volte ]

Questa busta, che a prima vista non sembra granche', e' presentata come un'interessante scoperta dalla casa d'aste israeliana ''Historama''.
D'altra parte basta guardarla bene questa busta, per rimarcare dettagli interessanti: e' partita da Brindisi il 15-9-1950 ma e' arrivata ad Haifa solo il 25-1-1951 nonostante l'inoltro per via aerea. Inoltre reca una fascetta di censura e un timbro censorio in caratteri arabi...
I venditori ipotizzano che si trovasse in uno dei sacchi di posta caricati a bordo dell'aereo della compagnia americana TWA diretto in Israele che decollo' da Roma il 18-9-1950. L'arrivo era previsto dopo poche ore ma furono riscontrati problemi ad un motore e l'aereo fu costretto invece ad atterrare al Cairo. Qui le autorita' egiziane (come tutti i paesi arabi, l'Egitto non riconosceva l'esistenza di Israele) prelevarono i sacchi di posta caricati sull'aeroplano (19 sacchi, secondo le notizie iniziali) e aprirono e censurarono le corrispondenze. In seguito a proteste da parte degli USA, la posta originata da quel paese fu reinviata negli Stati Uniti (e in parte arrivo' poi effettivamente in Israele). Come sovente succede in questi casi, si registrano notizie discordanti. Il postmaster general israeliano - secondo la Jewish Telegraphic Agency, JTA - affermo' il 26-9-1950 che a bordo del velivolo c'erano in realta' 21 sacchi di posta, proveniente non solo dagli USA ma anche da Buenos Aires, Rio de Janeiro, Madrid e Roma.
La posta americana (di cui e' certa la restituzione da parte degli egiziani) presenta - osserva la casa d'aste - lo stesso tipo di fascetta e di bolli di censura presenti sulla busta italiana, anche se la posta statunitense rispedita arrivo' in Israele solo a fine febbraio 1951. L'ipotesi e' che gli egiziani abbiano restituito almeno parte anche della posta originata da paesi diversi dagli USA e che la nostra lettera, rimandata in Italia, abbia poi rifatto il tragitto tra Italia e Israele per giungere infine alla sua destinazione ad Haifa, sia pure con qualche mese di ritardo! Sarebbe l'unico esempio noto di questo tipo….

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 14/03/2019, 19:13 
Non connesso

Iscritto il: 09/09/2012, 20:39
Messaggi: 2500
una storia molto interessante e particolare...queste case di aste internazionali si sbizzarriscono veramente e ne forniscono molti di spunti di ricerca...in confronto alle nostre mi sembrano molto più...curiose di sapere...


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 14/03/2019, 23:12 
Non connesso

Iscritto il: 17/04/2016, 21:48
Messaggi: 270
Grazie Riccardo. Davvero interessante.


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 15/03/2019, 10:36 
Non connesso

Iscritto il: 20/09/2012, 9:47
Messaggi: 463
p.m.pistoia ha scritto:
...queste case di aste internazionali si sbizzarriscono veramente e ne forniscono molti di spunti di ricerca...in confronto alle nostre mi sembrano molto più...curiose di sapere...

Ad essere onesto non e' sempre cosi': moltissimi cataloghi d'asta stranieri si limitano a scarne indicazioni come i nostri. Pero' e' vero che alcune ditte si prendono la briga di valorizzare il materiale che propongono fornendo riferimenti e indicazioni che vanno al di la' di una generica descrizione (n. di catalogo, condizioni del pezzo, eventuali quotazioni di catalogo, date degli annulli) aggiungendo un po' di ''storia'' che sicuramente poi va controllata ma che puo' dare idee per approfondimenti.

_________________
Riccardo Bodo


Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 15/03/2019, 11:29 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 02/12/2016, 18:49
Messaggi: 225
somalafis ha scritto:
aggiungendo un po' di ''storia'' che sicuramente poi va controllata


Poco ma sicuro, in virtù di esperienze precedenti le quali si sono rivelate totalmente infondate (se non costruite allo solo scopo di vendere).
In una qualche misura, il lato positivo del web è quello che puoi verificare personalmente le informazioni, facendo attenzione a soppesare i vari siti che trattano dell'argomento ricercato di tuo interesse.
Poi, ovviamente, il web ha anche il suo personale "rovescio della medaglia", ma del resto come in tutte le cose.

_________________
Rjkard


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 5 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010