Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 23/09/2020, 3:37

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 
Autore Messaggio
MessaggioInviato: 10/06/2020, 15:16 
Non connesso

Iscritto il: 11/10/2014, 12:23
Messaggi: 497
Sono pochi i pezzi noti con segni interessanti dell'intervento di censura durante l'RSI.
Le ragioni andrebbero ricercate non tanto nel presumere che i censori lavorassero poco o fossero indulgenti (anzi...), ma piuttosto perchè si ritiene che la corrispondenza più meritevole di censura venisse trattenuta ed inviata agli organi competenti (la questura) perchè questi svolgessero le conseguenti spiacevoli indagini.
Invito gli amici forumers a postare qui di seguito le immagini eventualmente reperite di altri oggetti simili al fine di provare a costituire una sezione specifica, che possa essere utile al confronto ed all'approfondimento.


La fattispecie è una lettera (bordata a lutto) inviata il 2103.1944 in tariffa raccomandata in espresso dall'allora piccolo comune di San Piero a Sieve (FI) verso il quartiere Sanpierdarena di Genova, dove giunse il 24 e fu verificata dalla censura provinciale del capoluogo ligure. Non è dato sapere cosa contenesse il testo (che manca), ma sta di fatto che la lettera fu rinviata al mittente con una piccola striscia di carta (fortunatamente bollata) incollata nella bandella di ri-chiusura della censura.
Non credo che sia un'eventualità comune, ne' tuttavia conosco i procedimenti (mi pare tutt'oggi ancora secretati... :shock: ) della censura, ma mi sembra insolito che quell'ufficio rispedisse al mittente, giacché mi è noto che interveniva o segnalando in una nota un problema al destinatario, o sequestrando busta e contenuto, o coprendo con la china indelebile tratti di testo per renderli illeggibili.

Un'altra curiosità consisterebbe nel riuso emergenziale di un modulo postale come striscia su cui annotare il rinvio al mittente: può essere che le censure provinciali fossero ubicate in settori separati degli stessi uffici di postali?

Voi avete informazioni a riguardo?


Allegati:
posta censurata.jpg
posta censurata.jpg [ 2.38 MiB | Osservato 375 volte ]

_________________
https://espressirsi.wordpress.com/
Top
 Profilo  
 
MessaggioInviato: 13/09/2020, 14:51 
Non connesso

Iscritto il: 11/10/2014, 12:23
Messaggi: 497
Aggiungo un ulteriore riscontro circa la considerazione a suo tempo espressa: gli uffici della censura operavano nei locali delle poste?

Se nella precedente lettera si può ipotizzare l'impiego emergenziale di un modulo postale per annotare il rinvio al mittente da parte della censura, in quest'altro caso (viewtopic.php?f=27&t=2974&p=5817&hilit=assicurata+d%27ufficio#p5817) che allego in immagine si riconosce un talloncino di assicurata (d'ufficio) con annotazione della stessa censura "UFFICIO POSTALE CENSURA TORINO".

Suggerimenti?


Allegati:
X_Assic_ufficio.jpg
X_Assic_ufficio.jpg [ 91.93 KiB | Osservato 106 volte ]

_________________
https://espressirsi.wordpress.com/
Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 2 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010