Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookie. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Privacy Policy.
Oggi è 25/09/2020, 8:01

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 20/10/2016, 10:45 
Non connesso

Iscritto il: 30/10/2012, 14:25
Messaggi: 4408
P.M. 102 Voroscilowgrad 20.9.42 spedita da un autista del 127° Autoreparto Pesante. Questa franchigia vi racconta una storia quasi sconosciuta.
L'offensiva della 6à armata tedesca su Stalingrado richiedeva enormi quantità di rifornimenti, non era la prima volta che i tedeschi richiedevano aiuto a noi per i trasporti:in settembre 1942 i comandi italiani organizzarono 3 viaggi di rifornimenti per Stalingrado con un totale di 480 autotreni. Con la nuova richiesta tedesca il comando italiano organizzò il trasporto prelevando gli autocarri da tre diversi autogruppi:127° con 18 autocarri e 25 autisti da Voroscilowgrad,244° da Millerovo con 100 autocarri e 150 fra autisti e meccanici, 248° da Millerovo con 50 autocarri e 70 autisti con un carico di munizioni,viveri e medicinali da portare a Stalingrado. Partiti con date diverse, dovevano ritornare con un carico di legna.Arrivati fra il 3 e16 novembre,il 20 arrivò l'ordine di rientrare subito a causa dell'offensiva russa, il 23.11 Stalingrado era circondata.77 italiani sono rimasti intrappolati in quell'inferno condividendo la sorte della 6à Armata di Von Paulus.Di questi 77, forse qli unici italiani a Stalingrado, soltanto 2 sono ritornati vivi in Italia.
Saluti
Roby


Allegati:
Digitalizzato_20161020.jpg
Digitalizzato_20161020.jpg [ 696.87 KiB | Osservato 1087 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 20/10/2016, 10:47 
Non connesso

Iscritto il: 30/10/2012, 14:25
Messaggi: 4408
Retro


Allegati:
Digitalizzato_20161020 (2).jpg
Digitalizzato_20161020 (2).jpg [ 649.41 KiB | Osservato 1085 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 20/10/2016, 17:08 
Non connesso

Iscritto il: 29/09/2012, 21:24
Messaggi: 497
SERA ROBY2000 --E' L'UNICO OGGETTO CHE HO TROVATO CHE RIENTRA NELLE DATE DA TE MENZIONATE -- 1) P.M. 6 - MANUALE P.M. 102 -- 7-11-42- DA MILLEROVO -- 248° AUTOREPARTO PESANTE ----
Allegato:
Commento file: 1) P.M. 6 --MANUALE .P.M.102. --248° AUTOREPARTO PESANTE --7-11-42 --FRONTE
DSCN2665.JPG
DSCN2665.JPG [ 166.1 KiB | Osservato 1067 volte ]
---
Allegato:
Commento file: 1) P.M.6 -MANUALE -P.M.102 -- 248° AUTOREPARTO PESANTE --7-11-42 --RETRO
DSCN2666.JPG
DSCN2666.JPG [ 176.19 KiB | Osservato 1067 volte ]
-- SALUTI.


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 20/10/2016, 19:21 
Non connesso

Iscritto il: 30/10/2012, 14:25
Messaggi: 4408
Grazie Carlo, è un documento importante, scritto poco prima di partire per Stalingrado. Mi ha fatto piacere il tuo intervento. Vediamo se si trova del periodo anche il 244° autogruppo.
Ciao
Roby


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 20/10/2016, 20:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: 19/05/2015, 19:41
Messaggi: 2755
Località: COLLEGNO (TORINO)
Aggiungo questi tre documenti. Distinti saluti Marangoni Riccardo.

1) Franchigia dal 127° Autoreparto P.M.102 in data 25 Novembre 1942 per Padova.

2) Fronte e retro busta inviata dal Cap. Mario Ghidini (Intendenza 8° Armata) P.M.102 del 14 Settembre 1942 per Parma.

3) Franchigia inviata dal 7° Autoraggrupamento Reparto 129 P.M.102 postalizzato tramite la P.M.6 in data 29 Ottobre 1942. per Belluno.


Allegati:
FRONTE P.M.102.JPG
FRONTE P.M.102.JPG [ 276.52 KiB | Osservato 1045 volte ]
FRONTE BUSTA P.M.102 14 SETT.1942.jpg
FRONTE BUSTA P.M.102 14 SETT.1942.jpg [ 116.75 KiB | Osservato 1046 volte ]
RETRO BUSTA P.M.102 14 sett.1942.jpg
RETRO BUSTA P.M.102 14 sett.1942.jpg [ 101.76 KiB | Osservato 1048 volte ]
FRONTE P.M.6 MANOSCRITTO P.M.102.JPG
FRONTE P.M.6 MANOSCRITTO P.M.102.JPG [ 279.1 KiB | Osservato 1050 volte ]
Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 21/10/2016, 20:12 
Non connesso

Iscritto il: 30/10/2012, 14:25
Messaggi: 4408
Grazie Riccardo per i documenti postati. Come vedi, anche una franchigia senza interesse può nascondere un granello di storia che merita di essere conosciuta e ricordata.
Ciao
Roby


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Morire a Stalingrado
MessaggioInviato: 24/10/2016, 20:53 
Non connesso

Iscritto il: 09/09/2012, 20:39
Messaggi: 3636
ho coltivato la speranza di trovare qualcosa in questi giorni rovistando nelle scatole di ghiaccio della mia collezione... :( :( ma niente, in tutto 1 corrispondenza del 244autoreparto e 3 del 248, ma tutte di periodo successivo all'accadimento...evidentemente trattavasi di commilitoni non mandati a Stalingrado...
Ho cercato allora di approfondire la tematica suggerita da Roberto e in un articolo online ho trovato l'elenco dei caduti a Stalingrado del 127 e 248 autoreparto pesante (ma nessuna traccia del 244°).
Li riporto sotto in maniera che ognuno possa controllare in collezione se avesse uno di quegli "sfortunati"....
Buon forum e grazie ancora per lo spunto bellissimo di ricerca che ci hai dato Roby2000... ;)

Nel lungo computo dei nomi dei morti e dei dispersi dell’Asse finirono anche settantasette Italiani, la cui storia ed epopea è rimasta sconosciuta fino ai nostri giorni e riportata di recente alla luce dallo storico e giornalista Alfio Caruso nel suo Noi moriamo a Stalingrado: dopo una lunga e attenta ricerca, l’autore è riuscito a ricostruire la storia di questi nostri connazionali, appartenenti quasi tutti a due Autoreparti, il 127° ed il 248°, che avevano avuto l’ordine di portare nella città assediata un gruppo di guastatori tedeschi e rifornimenti alla Sesta Armata di Paulus, ma che invece furono bloccati e accerchiati assieme ai Tedeschi a seguito della controffensiva sovietica. Dopo la resa tedesca, subentrò la prigionia nei gulag in Siberia e, chi non morì durante i sette mesi dell’assedio, patì la fame e il freddo nei campi di concentramento: a guerra finita, solo due di loro rivedranno l’Italia.

Comandante del 127° Autoreparto era il Sottotenente Walter Poli che, ricevuto ordine di partire per Stalingrado con un trasporto speciale di duecento autocarri per rifornire le truppe della Wermacht, scelse venticinque autisti per quella che doveva essere una normale missione in territorio russo: Attilio Bacchin, Carlo Belloni, Guido Bianchi, Luigi Bonaffini, Emilio Brunetti, Renzo Caleffi, Fiorenzo Camilla, Toscano Caverni, Filiberto Colzi, Orlando De Candia, Mariano Ferracuti, Pietro Innocenti, Carlo Lorenzani, Mario Messeri, Dante Misciattelli, Filiberto Moretti, Orlando Nannipieri, Mario Notte, Emanuele Patrone, Mario Rossi, Camillo Ruzzante, Robespierro Timi, Bruno Turetta, Mario Vagnini, Luigi Zuccato.

Stesso ordine ricevette il 248° Autoreparto, comandato dal Sottotenente Guido Giusberti. Anche questo, un altro triste appello: Giulio Apolloni, Guido Bellinato, Giovanni Bersanelli, Giuseppe Bolis, Gastone Bondoli, Natale Bonesi, Ercolino Buffetti, Gualtiero Butturini, Bruno Calderigi, Otello Cappelli, Dante Chiavaroli, Angelo Chiti, Enea Croci, Adelmo Della Maggiora, Luigi Fanelli, Pierino Ferrari, Cesarino Ferrarini, Vincenzo Furini, Arturo Giacobbe, Walter Giovannelli De Noris, Igino Grasselli, Giuseppe Iemmi, Giuseppe Lamieri, Agostino Lento, Ernesto Lionello, Marcello Lisi, Giuseppe Mangano, Ettore Mariani, Gino Monti Quagliani, Domenico Mortali, Renato Parenti, Luciano Passerini, Enrico Perucconi, Vittorio Pinchini, Virgilio Prenna, Mariano Puschiavo, Adelino Rapagnani, Fausto Rinascente, Giovanni Rizzetti, Aurelio Sassoli, Francesco Savini, Benedetto Sommovigo, Aris Spallanzani, Gino Tafì, Attilio Talevi, Remo Vannoni. Più due croci bianche, nomi anonimi nell’immensità della steppa.
Infine, assieme agli uomini del 127° e del 248° Autoreparto del Regio Esercito, finirono all’interno della sacca di Stalingrado altri due militari italiani, in forza all’ospedale da campo 251: il giovane dottore Livio Cattaneo ed il suo assistente sanitario, l’infermiere Ugo Machetto.


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010